3. nov, 2016

Job

I filosofi hanno solo interpretato il mondo, in vari modi. Tuttavia, la questione è cambiarlo. Karl Marx (filosofo)

Viviamo in un periodo storico in cui il lavoro delle persone non vale più nulla. Organizzarsi per lottare contro le mille forme di sfruttamento che caratterizzano questa fase del nostro tempo è diventato sempre più difficoltoso.

Tutti noi però siamo dotati di un potere di cui troppo spesso ignoriamo l’importanza e valore. Siamo consumatori e come tali potenziali rivoluzionari: l’esercizio del consumo critico, la nostra arma elettiva per influenzare il mercato!

Scegliere un prodotto chiedendoci in quali condizioni di lavoro sia stato ottenuto e che prezzo sia stato pagato per la manodopera significa influenzare il comportamento delle imprese.

Ognuno di noi può adottare la strategia che preferisce, dall’attenzione ai marchi di garanzia al commercio equo e solidale fino ad arrivare al boicottaggio nei confronti di quelle aziende che producono in modo poco etico.

Personalmente, oltre all’importanza  di esercitare un consumo critico, credo sia fondamentale dare valore allo “scarto” e ai rifiuti, perché attraverso essi - cercando soprattutto di produrne il meno possibile - si dà valore al lavoro e conseguentemente alle persone che quel lavoro hanno svolto, compiuto o realizzato.           

E al loro tempo.

Quel tempo , è il tempo di vita più prezioso poiché speso per rendere un servizio agli altri o, se si è fortunati, per realizzare un progetto, coltivare e migliorare una propria attitudine o perlomeno per cercare di emanciparsi  dal punto di vista economico.

Il lavoro, negli ultimi decenni, si è sempre più trasformato in opportunità di profitto fine a se stesso e per pochi, perdendo l’importante funzione di riscatto sociale oltre al riconoscimento  del valore umano espresso mediante le prestazioni svolte.

Tornare a dare importanza ai beni generati , rifiutandoci di consumare in modo inconsapevole e compulsivo, significa innanzitutto ricominciare a dare il giusto valore alle persone che quei beni hanno concepito, creato, costruito o fabbricato  seppur  partecipando anche ad un solo pezzetto del processo produttivo necessario.

Significa tornare a dare valore al tempo di vita delle persone.Cuore